Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘valsabbia’

76 km di dura montagna in bicicletta, tre passi alpini (Baremone, Maniva, Crocedomini), altimetria notevole dai 400 metri del lago d’Idro fino alla Cima Coppi di quasi 2.200 metri nei pressi del dosso dei Galli, tre valli toccate (Valsabbia, Val Camonica, Val Trompia), dai classici paesaggi lacustri del lago d’Idro, fino ai laghetti alpini del Parco dell’Adamello: un giro meraviglioso!

Partenza al mattino da Anfo (419 mslm) dove siamo arrivati in auto. Appena fuori dal paese si trova la deviazione per la splendida strada poco conosciuta (e quindi poco frequentata) che in 11 km porta ai 1.464 mslm di Passo Baremone dove ci si può ristorare al bel Rifugio Rosa. Sono 11 km abbastanza intensi ma pedalabili, la salita è continua ma i tornanti consentono di respirare, le pendenze sono costanti mediamente intorno al 9-10% con picchi fino al 16%, ma sono molto limitati. E’ il tratto più duro di tutto il giro, per questo abbiamo deciso di farlo al mattino. 😛

(altro…)

Read Full Post »

Da un po’ avevo nel mirino questo spettacolare giro in bicicletta e alla fine l’ho fatto: un giro duro, impegnativo (almeno per me), che richiede una media preparazione, oltre 100 km con salite impegnative e con oltre 20 km di strada sterrata, con la cima Coppi di Passo Tremalzo a oltre 1.800 metri di altitudine, tra Lombardia e Trentino, dal Lago di Garda percorrendo tutta la Vallesabbia costeggiando il fiume Chiese salendo poi fino a Passo Tremalzo e riscendendo infine sul Garda.

Partenza da San Felice di prima mattina con il Garda ancora sonnecchiante e già dopo pochi km a Tormini di Roé Volciamo ne saluto la vista per poi incontrare di lì a breve il fiume Chiese, e il mio pensiero è: “fii, sono già stanco, mi sa che non ce la faccio“.

Risalgo poi per vari km l’operosa Vallesabbia che certo però non eccelle per i suoi panorami, anche se qualche scorcio carino lo si trova, specialmente nella zona di Barghe e del Lago d’Idro con la bella Rocca d’Anfo.

A Ponte Caffaro si lascia la Lombardia e si entra in Trentino e dopo pochi km si raggiunge Storo dove si abbandona la strada principale e si prende la deviazione per il Lago di Ledro e l’omonima Valle. Qui la strada comincia a salire anche se è ancora abbastanza pedalabile.

Dopo una decina di chilometri di una affascinante strada incastonata in una stretta valle si raggiunge Passo d’Ampola a poco più di 1.000 mslm di altitudine dove si trova anche l’omonimo Lago d’Ampola molto apprezzato dai naturalisti.

Qui si prende la deviazione a destra per Passo Tremalzo e la vera salita ha inizio, circa 12 km che coprono un dislivello di circa 800 metri. Il fresco sulla pelle e la bellezza dei paesaggi, delle montagne e degli animali al pascolo però danno la forza di andare avanti.

Per questa impegnativa salita decido di farmi accompagnare da una colonna sonora adeguata e sul mio lettore mp3 faccio partire la compilation Bertallosophie Altri Suoni Italiani, con brani soprattutto del panorama underground milanese che trasmettono quel senso di rassicurante, serena e pacificata malinconia laboriosa che solo chi ha vissuto un po’ a Milano può comprendere, e che mi aiutano a concentrarmi sul ritmo di pedalata e sulla gestione delle mie energie, avendo ben presente la “lezione della salita“, e pedalata dopo pedalata …

(altro…)

Read Full Post »

E’ ufficiale, il mio fisico tiene ancora botta!

Venerdì scorso ho sostenuto e passato con successo il mio annuale test fisico, la Cavallino, il giro in bicicletta tra i più belli e con i panorami più suggestivi, 84 km di percorso vicino a casa, tra laghi e montagne, tra Garda,  Valsabbia e Valvestino, passando dal Passo Cavallino della Fobbia a 1.100 mslm di altitudine.

Non ero molto fiducioso sulla riuscita, infatti uscivo da una brutta bronchite (che a dire il vero non mi ha ancora abbandonato) con annessa settimana di antibiotico, però chissà il fresco del mattino e i bellissimi paesaggi di montagna mi hanno dato la forza per affrontare tutte quelle salite.

Giunto a Gargnano visto il traffico e dall’alto vedendo sopraggiungere un bel battello, per raggiungere San Felice ho preferito non correre rischi e caricare me stesso e la bicicletta in direzione Portese godendomi così il bel panorama dal lago con l’ultimo sole tiepido della stagione.

Read Full Post »

6.30 del mattino … “Ciao Paola, vado a fare la Cavallino
… risposta (assonnata) “ma tu sei fuori” (sottinteso “di testa“).

La Cavallino, così chiamo in gergo il giro in bicicletta tra i più belli e con i panorami più suggestivi che io abbia mai fatto, 84 km di percorso vicino a casa, tra laghi e montagne, tra GardaValsabbia e Valvestino, toccando il lago di Garda, passando nei pressi del lago d’Idro e costeggiando lo splendido lago artificiale di Valvestino, passando dal Passo Cavallino della Fobbia a 1.100 mslm di altitudine, quindi con anche con un’altimetria di tutto rispetto.

Lo scambio tra me e Paola deve far subito sospettare che si tratta di un giro con salite piuttosto impegnative, soprattutto nei primi 30 km.
A me capita di farlo almeno una volta all’anno, ed è una specie di test per vedere se il mio fisico “tiene ancora botta“, e finora lo sta facendo! 🙂

Ovviamente in tutti questi anni ho fatto un bel po’ di fotografie (con varie tecnologie) che ho riunito in una corposa raccolta.

Partenza da San Felice e passando da Salò e Roè Volciano si raggiunge Vobarno.

(altro…)

Read Full Post »