Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘italia’

Trasferta francese a Parigi, ho voglia di informarmi su cosa accade in Italia.

Sfoglio Le Figaro, Le Monde, France Soir, ecc. ma sul nostro paese trovo solo questi articoli (cliccandoci sopra potete ingrandirli):

Uffa, ditemi qualcosa dell’Italia! 😦

Read Full Post »

Piroscafo ItaliaNo, non sono impazzito, sto semplicemente parlando del Piroscafo Italia, già perché il suo varo risale al 5 maggio 1909, quindi fra poco compirà 100 anni!

Da buon “gardesano” inguaribile che l’estate ama molto vedere il lago dal lago ne avevo già parlato, ma dall’ultimo libro di Tullio Ferro “Vele color di cedro” (Editoriale Sometti) emergono notevoli curiosità storiche su questo piroscafo che a me piace molto, tra le quali il fatto che a seguito di un bombardamento aereo divenne un relitto sul fondo del Garda per ben 4 anni.

Fu costruito nel 1908 dalla Società Odero di Sestri Ponente, è lungo 50,22 m, largo 6,50 m, portata 600 passeggeri, velocità massima 24 Km/h, propulsore con due ruote a pale, ristorante a bordo.

Mia bici sul Piroscafo ItaliaPoco dopo il varo l’Italia fu causa di un incidente “diplomatico” tra l’Austria e l’Italia a causa della bandiera di bordo.
Al tempo infatti Riva del Garda era in territorio austriaco (e lo rimase fino al 1918) e c’era l’obbligo per i piroscafi della Società di Navigazione Lago di Garda che varcavano il confine posto all’altezza di Limone, di ammainare il tricolore italiano con lo stemma sabaudo e di alzare quello dell’imperiale regia marineria con i tre colori di traverso, quelli magiari, adottati dalla marina austroungarica.
Il capitano dell’Italia si rifiutò di ammainare il tricolore e ordinò di ritornare Peschiera.
Dopo qualche giorno a seguito di un chiarimento tra le autorità l’Italia fece ritorno a Riva senza problemi.

Interno Piroscafo ItaliaL’Italia ospitò personaggi illustri come Franz Kafka nel 1909 e nel 1913, oppure D.H. Lawrence nel 1912, che a bordo scrissero brani importanti rimasti nella storia della letteratura.

L’Italia venne anche impiegato in guerra.

Allo scoppio della prima guerra mondiale (il 24 maggio 1915) tutti i piroscafi vennero fatti rientrare a Peschiera a luci spente. L’Italia venne armato che tre cannoni da 57 mm. e due mitragliere, gli fu dato il colore grigioverde militare e a bordo ospitava il Comando della Marina da Guerra per il Garda.
Gli austriaci provarono a bombardarlo dai monti sopra Riva, fortunatamente però nessuna cannonata andò a segno.

(altro…)

Read Full Post »