Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Varie’ Category

Finalmente ci vedo nuovamente decentemente. Il piccolo intervento agli occhi mi ha ricordato, se ce n’era bisogno, che la bellezza e le emozioni passano principalmente dalla vista.

Ho trascorso giorni a girare per casa senza poter far nulla, o meglio, senza poter guardar nulla: niente libri, niente televisione, niente computer, niente blog, niente email, niente social network, niente orto, niente di niente, solo muri in penombra.
Beh, direte, potevi ascoltare la radio o un po’ di musica: eh, sì, l’ho fatto, ma dopo un paio d’ore diventa anche quella una vera palla e avresti solo voglia di guardare qualcosa.

Una cosa però ho apprezzato: le mie giornate lente, come quando ero bambino. Sono ritornato al piacere di annoiarmi.
Come Sara anch’io mi chiedo:
ma è giusto rallentare solo quando si finisce sotto i ferri o ci si ammala?

E’ vero, forse con la lentezza non fai tante piccole cose, ma sicuramente ne fai una che ha un valore enorme: pensi!

Mi sono ricordato del piacere di quando, adolescente ed in viaggio con tutta l’estate davanti, mi capitava di decidere di perdere coscientemente navi, autobus o treni, e godere del piacere di avere spezzato il rigore di programmi prefissati, con l’ebrezza e la serenità di trovarmi in una situazione piacevolmente e volutamente nuova e imprevista.
La prima cosa che facevo? Appoggiavo il mio zaino, mi sedevo e stavo svariate decine di minuti semplicemente ad osservare in silenzio il luogo e le persone che vedevo, assorbendo le atmosfere come per una sorta di osmosi. Quando ero saturo poi finalmente mi alzavo e mi immergevo. Intense sensazioni.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Saggio proverbio greco

Per concludere le mie riflessioni sulla situazione greca di questi giorni, mi è tornato in mente un saggio proverbio che ho sentito spesso in Grecia e che in fondo ognuno di noi ha sentito declinare come analogo contenuto nella propria lingua o dialetto all’interno della propria famiglia:

 

Φασούλι το φασούλι γεμίζει το σακούλι
(che si pronuncia: fasùli to fasùli ghemìsi to sacùli)
(fagiolo dopo fagiolo, si rimpie il sacco)

Mi pare proprio un ottimo suggerimento per tutti: un po’ di sana parsimonia e attenzione a vivere in base alle proprie possibilità.

Read Full Post »

Ieri sera ero all’incontro pubblico in cui è stato presentata la proposta di progetto per il nuovo centro polifunzionale e l’annesso parco pubblico in località Paludi di San Felice del Benaco da parte dell’architetto Palerm della impresa aggiudicataria Palerm&Tabares De Nava Architectors SLP.

Personalmente l’ho trovata finalmente proprio una bella serata.
Il progetto mi è piaciuto molto, soprattutto per il suo profondo rispetto della skyline del paese, per la percezione di integrazione armonica con la natura del parco e per il bassissimo impatto visivo; come diceva Nicola un esempio di come una bella architettura possa suscitare emozioni.
La discussione poi con Sindaco, Giunta e progettisti è stata franca, ma personalmente l’ho trovata rispettosa, leale, costruttiva e chiarificatrice.

In particolare la maggiore preoccupazione era che l’Amministrazione andasse ad aggravare ulteriormente la già pesante situazione debitoria, accendendendo nuovi mutui per finanziare la realizzazione di tale opera.

Il Sindaco Paolo Rosa ha però rassicurato dicendo che non verranno accesi nuovi mutui, ma che tale opera verrà finanziata completamente attraverso la vendita di proprietà comunali ritenute non strategiche, e che i vari lotti verranno realizzati solo con la piena disponibilità dei fondi necessari per la copertura dei costi.

Bene, ovviamente monitoreremo attentamente che queste promesse vengano mantenute (e che le vendite non si trasformino in svendite, e che tali proprietà non siano poi in realtà vari terreni da lottizzare), ma se così sarà, questo progetto mi pare accettabile, anche perché sin da fine 2008 sostengo anch’io l’idea di una tale opera.

Per chi comunque non c’era ieri sera ho provato a riscrivere i contenuti che mi ricordo del mio intervento, ovviamente segnalatemi eventuali dati inesatti che così provvedo subito a rettificarli:

Grazie per la presentazione del progetto, personalmente l’ho molto apprezzato.

Non entrerò nel merito della collocazione e della struttura, già oggetto di un acceso dibattito nei mesi scorsi in paese, anche se ritengo che per l’importanza per il nostro Comune di tale progetto, non solo dal punto di vista urbanistico ma anche economico, sarebbe stato doveroso il ricorso da parte dell’Amministrazione ad un referendum consultivo, come previsto dall’art. 34 dello Statuto comunale, anche alla luce delle oltre 600 firme di cittadini favorevoli al perseguimento di un’idea alternativa annessa al centro storico, numeri che, voglio sottolineare ai promotori dell’iniziativa, sarebbero stati comunque ampiamente sufficienti a richiedere l’indizione del referendum.

Ritornando però al progetto presentato, la mia domanda è: ce lo possiamo permettere?

Ho provato quindi a documentarmi sulla situazione economica delle casse comunali.

(altro…)

Read Full Post »

Terremoto

Questa notte alle 0:55 una bella scossa di magnitudo 4.2 nella zona veronese di Negrar, che a San Felice ci ha fatto sobbalzare nel letto e fatto sbattere una scala contro l’armadio.

Ora alle 9:06 circa un’altro bello scossone che mi ha fatto sobbalzare sulla sedia dell’ufficio; cavolo, vedo che si tratta addirittura di un 4.9 di magnitudo a cavallo tra le province di Mantova, Parma, Reggio Emilia, vicino a Brescello.

Seguo la situazione sul sito dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e vedo che si tratta di un convinto sciame sismico che dalla tarda serata di ieri sta colpendo la zona, comunque non lontanto dal lago di Garda.

Sto tenendo monitorato il tutto anche su twitter e varie persone sono comprensibilmente preoccupate dal perdurare dello sciame.

Comunque utile servizio quello dell’INGV.

Fiii che paura; stanotte quando ho sentito la scossa, non ho potuto non ripensare al terremoto sul Garda del 2004.
😦

Aggiornamento:

  • 27/1/2012 ore 15.53, altra bella dondolata sulla sedia, magnitudo 5.4 con epicentro in provincia di Parma, vicino a Pontremoli.

Read Full Post »

Lo so questi doppi sensi translinguistici sono infantili, ma mi divertono, come ad esempio questo eloquente all’ingresso di un museo …

oppss, "cassa" in russo

… oppure quest’altra frase latina su un edificio classicheggiante: mmmhhh, perché mai mi ha ricordato la situazione italiana?

Parentum voto ac favore

Chi conosce il latino potrebbe dirmi qual’è la traduzione?

Read Full Post »

Dopo il doppio senso translinguistico tedesco, eccone uno spassosissimo estone che ho appena scovato:

beh, diciamo che elegantemente parafrasando dal dialetto bresciano grezzo equivarrebbe a “questi sono fatti tuoi“. 😀

In lingua estone invece il significato è artigianato estone.

Read Full Post »

Rientro dopo giorni in Estonia, là ho appreso della capitolazione di Gheddafi, sfogliando il quotidiano Eesti Päevaleht  la notizia veniva riportata con questa eloquente foto … no comment …
… anzi, uno: I’m not like that! … anzi, un altro: not in my name!

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »