Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Musica’ Category

La notte del 31 dicembre se n’è andato Roberto Ciotti.

Roberto Ciotti

La musica della chitarra di Roberto per me è da sempre indissolubilmente associata al viaggio, quello serio, quello romantico e poetico, quello che sai quando parti ma non sai se e quando tornerai.

I suoi suoni evocano le emozioni di quell’età in cui non hai ancora deciso se mettere su famiglia o perderti per il mondo” (cit. Mediterraneo), lo stato d’animo e il conflitto interno di qualunque ragazzo o ragazza nella transizione verso l’età adulta, quando non hai ancora capito che il segreto per la serenità è non vivere questa dicotomia, ma bensì decidere di mettere su famiglia e contemporaneamente continuare ad avere voglia e continuamente perderti per il mondo, o per i mondi, reali o virtuali o umani.

Roberto è l’autore delle colonne sonore dei primi due film della “trilogia della fuga” di Gabriele Salvatores: Marrakesh Express (1989), Turné (1990) e si conclude infine con il premio Oscar Mediterraneo (1991).

Marrakesh Express è uno dei miei film del cuore, anche per la musica di Roberto Ciotti che è veramente perfetta, calzante, sublime ed emozionante, toccando l’apice con la stupenda “No More Blue” …

Bluesman raffinato dai suoni inconfondibilmente “morbidi”, asciutti, con una interpretazione che trasmette passione e dolcezza.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Holocene by Bon Iver

Holocene di Bon Iver, una canzone calda che dà la sensazione di una morbida coperta di lana in cui immergersi, ad alto volume, distesi sul divano …

Holocene by Bon Iver, a warm soft wool blanket song to immerse into, at high volume, laid down on the sofa …

Read Full Post »

Il brano del duo fiammingo Ozark HenryAmaryllis Uitterlinden è senza dubbio la più bella novità musicale di quest’autunno.

Evocative suggestioni di passi a piedi nudi su un caldo pavimento in legno, a braccia aperte, fingendo di avanzare in equilibrio su una linea immaginaria, davanti a una grande vetrata sulla campagna inglese, o di un caffé solitario da Sturbucks in una città americana, seduto su un alto sgabello al banco fronte vetrina, con lo sguardo “sfocato” sulla gente che passa la fuori, lasciando che i pensieri scorrano in libertà … enjoy it!

(altro…)

Read Full Post »

Ieri sera bellissimo concerto dei Plan de Fuga alla Bierfest di Moniga del Garda.

Rock energico, sonorità internazionali, presenza scenica ottima, poche parole e al completo servizio della musica. L’eccellente utilizzo nei loro brani dell’alternanza piano-forte e degli stop&go, con la totale sintonia basso-batteria rendono i brani molto godibili e per nulla scontati, con passaggi emozionanti ed imprevedibili.

La mia preferita?
Touché, dal loro album “LOVE°PDF”, un disco da viaggio.

… ma anche Better4me ha delle sonorità e una ritmica che mi piacciono molto.

Anche i video sono ben fatti, e loro sono “scenici”, in particolare Filippo, il cantante, ha dei tratti somatici del viso intensi, oserei dire cinematografici, quasi da antico guerriero.

Non avevo mai visto un loro concerto completo dal vivo e mi sono proprio piaciuti (forse la parte che mi è piaciuta meno è stata l’ultima, quella con dei tratti un po’ “psichedelici”, un déjà vu sonoro che per i miei gusti è un po’ scontato e ha fatto il suo tempo, ma è solo un piccolo dettaglio insignificante all’interno di un bel concerto).
Tra l’altro una band targata Brescia, che si appresta ad un lungo e importante tour negli Stati Uniti.
Brai gnari!

P.S. – Ah, dimenticavo, strepitosa la “tipa robustina” in prima fila che ballava scatenatissima e cantava a squarciagola tutti i brani, spettacolo nello spettacolo! 😀

Read Full Post »

Ritorna puntuale il mio personale Premio Goccioline, ovvero il mio riconoscimento alla canzone dell’estate che più di tutte ti mi dà la sensazione di fresche goccioline d’acqua sul viso, e quel senso di malinconia che lasciano poi sempre le vacanze estive, con il ricordo delle conoscenze e delle esperienze fatte e il ritorno ai doveri.

Rullo di tamburi …
…  con il suo inno “che vita di m…”  …  il Premio Goccioline 2013 va a  …

ALFONSO
di Levante

Read Full Post »

Mi basterebbe essere padre di una buona idea“, ma quanto mi piace questa affermazione contenuta nel testo di Una buona idea” di Niccolò Fabi, un brano peraltro particolarmente moving.

Una frase di poche parole che, estrapolata dal testo del brano, sa donare una forte sensazione di aria, di spazi aperti, di gratuita speranza, di una soglia d’accesso al mondo a cui tutti siamo vicinissimi, e che basta poco: bravo Niccolò.
 

Read Full Post »

Older Posts »