Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Casa’ Category

Pomodoro da 8 etti

Beh, non mi sbagliavo a pensare che il pomodoro che avevo addocchiato era un vero gigante, infatti ieri sera l’ho raccolto e pesato: 817 grammi!

Ed in più è di un colore rosso intenso e bello sano:
beh, solo con quello si cena.

😛

Read Full Post »

Beh, stavo giusto dando un’occhiata ai frutti dell’orto di ieri ed ho notato che erano proprio un bel tocco di colore, oltre che un bel raccolto.

Finalmente sono pronti i primi pomodori cuore di bue giganti le cui piantine trovo solamente a Salò al vivaio di fronte alla Stazione dei Carabinieri. Vengono pronti un po’ tardi, però se lasciati maturare bene hanno un sapore intenso e ottimo.

Tra l’altro ne ho visto sulla pianta uno grossissimo praticamente pronto; questa sera lo raccolgo e mi sa che supererà il mezzo chilo.

Basta, per oggi ho lavorato abbastanza, è tempo di un giro in bicicletta e di un PirloSGUISHHH !!

Read Full Post »

Che memoria Camilla

La sera a casa prima di addormentarsi Paola legge a Camilla i libretti delle favole ed io lì in fianco mi accoccolo ascoltandole.

Da qualche sera stanno facendo un gioco: prende libretti anche di una trentina di pagine che sono già stati letti solamente 3 o 4 volte e in modo sorprendente girando le pagine Camilla riesce a ripeterli tutti a memoria, non sbagliando praticamente nulla.

Ogni volta vedendola resto sempre totalmente sbalordito, pensando soprattutto a me che per ricordarmi qualsiasi cosa devo farmi dei post-it che appiccico sull’interno della cartelletta rossa che tengo nello zaino.

Mah, per me non è normale, sia che lei abbia una memoria così strepitosa, sia che io non ricordi (a volte lo ammetto fingo di non ricordarmi) quasi nulla.
🙂

Read Full Post »

Fine settimana dedicato a ridipingere le ante.
Ci ho messo tutto l’impegno per cercare almeno un aspetto positivo in questa attività, ma proprio non l’ho trovato.

Il mio pensiero è andato alla fatica della gente di montagna con case in legno che questa attività deve farle quasi con cadenza annuale.

Ne ho però tratto una filosofia: “il bello costa fatica” 
… ma siamo sicuri sempre?

Il mio morale è un po’ cambiato domenica quando ho deciso di scacciare un po’ la noia del pennello accompagnandomi con l’i-taroc (il mio vecchio lettore mp3 con radio) che aveva ancora caricati brani di diversi generi (da Antonello Venditti a Marilyn Manson), compagni di viaggi di mesi fa.

Kunta Kinte di Daniele Silvestri mi ha fatto riflettere sul mondo dei blog e sull’occhio attento ma anche preoccupato con cui cominciano ad essere visti dal “potere”:

(un estratto del testo)

L’unico miracolo politico riuscito in questo secolo
è avere fatto in modo che gli schiavi si parlassero, si assomigliassero
perché così faceva comodo per il mercato unico e libero.
Però così succede che gli schiavi si conoscono, si riconoscono
magari poi riconoscendosi succede che gli schiavi si organizzano
e se si contano allora vincono.

La mia parte intollerante di Caparezza invece mi ha fatto ritornare alla discussione sui giovani di qualche settimana fa e sul fatto che credo che interessarsi di qualcosa sia un valore in se:

(un estratto del testo)

… meglio depressi che stronzi del tipo “Me ne fotto” , perché non dicono “Io mi interesso”?

Venditti poi ha sempre il potere di portarmi subito in un atmosfera calda e famigliare di viaggio verso il mare, e l’eleganza e la classe di Sade sono assolutamente immensi.

Read Full Post »

Terremoto sul Garda

Brusco risveglio questa mattina poco prima delle 6, una breve ma decisa scossa di terremoto ha fatto sobbalzare il letto e le case.

Una veloce verifica che tutto fosse in ordine e subito una telefonata a Salò da mamma e papà, visto che il terremoto di novembre 2004 aveva semi-demolito la loro casa: fortunatamente tanta paura, gente in strada spavantata, ma nessun danno.

Ho verificato subito e il Centro Nazionale Terremoti l’ha rilevato come di magnitudo 3,5, con epicentro proprio la nostra zona; beh, considerando che quello distruttivo del 2004 era stato di 5,1 direi che quella di stamattina è stata una discreta botta.

Read Full Post »

Nel mio piccolo da qualche anno sto applicando il concetto di filiera corta, ovvero acquistare il più possibile direttamente dai produttori (tagliando così i ricarichi di vendita), e il più possibile locali (risparmiando così lunghi e inutili viaggi alle merci).

Beh, avendo deciso qualche anno fa di cimentarmi con l’orto devo dire che la mia filiera è cortissima, praticamente nulla, basta andare in giardino e vedere qual è la produzione del giorno.

Raccolto dall\'orto

Ad esempio, come si può vedere ieri c’erano due zucchine, due cetrioli, qualche pomodorino, e un bel po’ di erbe coste da far saltare in padella o per dei buonissimi capponi (ripieno avvolto in foglie di erbe coste, cotti al forno): direi che ce n’era a sufficienza per un bel pranzettino sano con ortaggi appena raccolti.
E ogni giorno è così, estate e inverno, ogni stagione ha le sue verdure: radicchio, insalata, cavoli, verze, porri, ecc.
Tra l’altro come si può vedere anche per Camilla è un bel passatempo educativo ed ogni tanto mi dà una mano a legare i pomodori o per i raccolti.

In questo modo copriamo circa il 90% del fabbisogno di verdura di famiglia, con un notevole risparmio anche economico, e quando ci manca qualcosa andiamo da un contadino di Portese che ha dei prezzi bassissimi oltre che del miele ottimo.

Penso che le Amministrazioni Locali dovrebbero incentivare la filiera corta ad esempio con dei mercati agricoli locali, da tenersi un paio di volte a settimana, dove i produttori locali potrebbero vendere direttamente i loro prodotti.

Pensiamoci!

P.S. – Guardando la foto mi sono accorto che devo tagliare l’erba. 🙂

Read Full Post »

In Paese non si è soli

Ieri sera ero a Gargnano, vivo a San Felice del Benaco ed ho vissuto a Salò, piccoli paesi che insieme ad altri sul Garda sento miei ed in cui mi sento a casa, una sensazione che ho trovato descritta alla perfezione in questa poesia:

Un paese vuol dire non essere soli,
sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo,
che anche quando non ci sei resta ad aspettarti.

Cesare Pavese, tratto da La luna e i falò

Read Full Post »

Lavanda … per i cassetti

LavandaQuesta sera arrivato a casa, dando un calcio al pallone in giardino, con una “sbananata” l’ho calciato in pieno contro la pianta di lavanda.

Raccogliendolo ho sentito che era molto profumata e la fioritura era perfetta per la raccolta.
Ho preso quindi il bel cesto Ikea qui a fianco dove ho messo i fiori raccolti, per poi farli essicare e metterli nei sacchettini che andranno a profumare i cassetti della biancheria per tutto l’anno: evvai di mutande alla lavanda!
🙂

Read Full Post »

Rifiuti … floreali

Questa mattina insieme a Camilla abbiamo pulito il giardino dalle erbacce, inoltre nell’orto ho liberato le colle del radicchio e dell’insalatina primaverili in quanto cominciavano un po’ a “passare”.

Siamo quindi andati a buttare tutti gli scarti vegetali in fondo alla strada nell’apposito contenitore e complice il sole di questa mattina proprio nel prato attorno c’erano dei bellissimi fiori di campo e con Camilla ne abbiamo raccolti alcuni e fatto due bei mazzetti da mettere in tavola. Tra l’altro quando ho visto i fiori color violetto mi sono ricordato che da piccolo con gli amici talvolta li mangiavamo ed erano dolci, chissà se eravamo i soli.

Mazzo di fioriMazzo di fiori

Read Full Post »

Io vado al lavoro

Questo dovrei essere io che vado al lavoro in auto:

Papa va al lavoro

Ma che film ha visto Camilla?
La mia auto oltretutto è rossa! 🙂

Read Full Post »

In attesa che la Primavera arrivi anche nell’aria, l’artista di casa “Pabla” Milla ha voluto deliziarci con la sua interpretazione su carta della Primavera.

Autentiche preziose rarità pittoriche dal valore inestimabile di cui custodiamo gelosamente gli originali esclusivamente per collezionisti d’arte.

Il Gelato

Il Gelato
La Barca

La Barca
L’Arcobaleno

L'Arcobaleno
La Coccinella

La Coccinella
🙂

 

Read Full Post »

Parco giochi di San FeliceParco giochi di San Felice

Proprio bello il nuovo parco giochi di San Felice!
In realtà si trova nella frazione di Portese e, dopo averlo visto in una delle corsette serali, domenica scorsa siamo andati a giocare con Camilla la quale era iper-eccitata alla vista di un così fantasmagorico scivolo rosso con ondina intermedia.

Complimenti sinceri all’Amministrazione Comunale per questa bella opera.

A dire il vero Camilla ha trovato una piccola pecca, infatti alla fine aveva una gran sete e ci ha fatto notare che mancava una fontanella per bere; vabbé, poco male, la prossima volta ci porteremo una bottiglietta d’acqua.
🙂

Parco giochi di San FeliceParco giochi di San Felice
 

Read Full Post »

Pianta di Limoni Giganti potataIo e Piero abbiamo dato una potatura “brutale” alla pianta di limoni giganti.

Devo ammettere che ne aveva proprio bisogno dopo anni in cui l’avevo lasciata crescere in modo selvaggio e dopo varie superproduzioni.

Le regole di potatura sono le classiche per piante “solari“: evitare l’accavallamento di rami, e consentire la loro maggiore esposizione al sole e il passaggio di aria.
Nel mio caso inoltre ho preferito dare finalmente una forma alla pianta mantenendo quattro rami principali ed eliminando gli altri; inoltre abbiamo potato i rami piu’ alti in quanto le parti apicali erano un  po’ rinsecchite.

Ho anche piantato in giardino quattro nuove piantine che avevo creato da talee derivanti dalla potatura dello scorso anno.
Dalla potatura di quest’anno ho ricavato molte talee che ho regalato a varie persone che me le avevano chieste: evvai, vari figli in giro per il mondo!

Prima della potatura ho anche fatto l’ultimo raccolto: due mega-limoni da 1,2 kg l’uno e una circonferenza di 55 cm, dei veri campioni!
Ora sono già diventati della buona MarMillata che ci stiamo mangiando a colazione sulle fette biscottate.

E se non bastavano le piante di limoni che già ho, quest’anno abbiamo anche piantato in giardino una pianta di limoni normali nella nuova splendida aiuola “Pelaghìa” (come si può capire la sera prima avevo visto Il mandolino del Capitano Corelli) che con Paola abbiamo creato in perfetto stile mediterraneo.

Però mi sorge una domanda: che cavolo me ne farò di tutti ‘sti limoni?
Mah!?!
🙂

Read Full Post »

Tempesta in arrivo !

Tempesta in arrivo!Grande recita all’asilo oggi, io ero la mucca (il primo a sinistra nella foto) e il titolo della piece (degli equivoci) era «Tempesta in arrivo!»:

quando la notizia giunge alla fattoria, gli animali cominciano a temere il peggio.
Chi sarà mai la terrificante creatura chiamata Tempesta?
Nascosti nella stalla, gli animali attendono con ansia la sua venuta. Ma quando il cielo diventa scuro, pieno di lampi e di nuvole minacciose, gli animali si sentono sollevati, perché pensano che tutto questo li proteggerà da Tempesta!
Dopo una terribile giornata di pioggia, torna finalmente la calma nella fattoria e tutti gli animali corrono fuori nell’aia, felici che il pericolo sia scongiurato!

Un invito allegro e divertente ad affrontare le paure, che a volte sono solo frutto dell’immaginazione.

Tempesta in Arrivo!Mamma mia, i bambini hanno riso come i forsennati, ma probabilmente noi ci siamo divertiti ancora di più. Io nel mio ho provato a gettare un po’ di scompiglio inserendo battute che non c’erano, ma devo dire che gli altri “animali” sono stati dei fantastici improvvisatori!
Ora ci aspetta una tournée negli asili.
😀

e quindi … Tempesta in arrivo!!!

Read Full Post »

Taglio degli Olivi

Uscendo di casa questa mattina ho visto che nel prato di fronte a casa mia hanno già cominciato a potare gli olivi.

A me sembra un po’ prestino viste le gelate delle scorse notti e le piante potrebbero soffrirne.
Però, vista l’esperienza di chi lo fa, probabilmente prevedono che non ci saranno grandi “botte” di freddo nelle prossime settimane prima dell’arrivo definitivo della primavera.

Taglio degli Ulivi

Di solito gli olivi si potano o prima dell’arrivo dell’inverno anticipando le gelate (dando così il tempo alle piante di cicatrizzare i tagli proteggendoli dal freddo e dall’umidità), oppure subito dopo l’inverno appena passato il pericolo gelo, anticipando però la primavera, stagione in cui riparte con vigore il ciclo vegetativo.

Read Full Post »

CavalliStavo considerando che è proprio una bella sensazione uscire di casa e avere di fronte un bel prato con i cavalli che scorazzano liberi, corrono, saltano, giocano.
Una volta durante un litigio un cavallo ha saltato la cancellata ed è venuto dalla nostra parte, ed è stato molto buffo vedere un cavallo che girava tra le nostra case, e doverlo riportare “a casa”. Camilla era spaventata, ma è andata avanti per giorni a parlare del cavallo.

Beh, visto il problema del cemento sul lago di Garda non c’è che dire, sono ancora un privilegiato ad abitare in questo posto a San Felice del Benaco.

Un giorno ero in Comune ed ho dato un’occhiata al piano regolatore dove ho visto con mio rammarico e delusione che il terreno agricolo davanti a casa mia è stato reso edificabile; devo ammettere che ci avevo fatto un pensierino per acquistare 1000 metri di terreno agricolo per piantare un po’ di limoni, ulivi e uva, ma oramai essendo edificabile i suoi prezzi sono inaccessibili, ad eccezione ovviamente dei pochi soliti notabili possidenti costruttori.

Chissà, magari qualcuno vede i miei fantastici Limoni Giganti, acquista il terreno con l’impegno di mantenerlo agricolo, e me lo cede in gestione lucrando dalla vendita dei preziosissimi frutti!
😀

Read Full Post »

Il Giardino di Camilla

Ieri Camilla è tornata dall’asilo con questo disegno: il Giardino di Camilla.

Il Giardino di Camilla

Il grigio sono i sassi, il verde è il prato, l’arancio è la terra, l’azzurro è il lago e il giallo è il sole.

Beh, se come si dice la serenità dei bambini si vede dalla solarità dei colori scelti, allora questo disegno mi dà conferma che Paola ed io stiamo facendo un buon lavoro e Camilla sta crescendo serenamente.
🙂

Read Full Post »

Devo dire che “Cambieresti?” in famiglia ci ha reso più sensibili sul consumo di risorse e di energia.

Energia Elettrica 

Lo scorso anno mi sono concentrato in particolare sull’energia elettrica e con alcuni interventi di efficienza (sostituzione frigorifero con un A++, sostituzione lampadine a incandescenza, eliminazione stanby), senza rinunciare a nessuna comodità ho quasi dimezzato i miei consumi, ed ora rientro sempre regolarmente nel 2° scaglione (costo circa 0,111 €/kwh) senza mai sforare nel 3° (costo circa 0,168 €/kwh) .
Chissà come mai però quando ricevo la bolletta ASMEA, il consumo calcolato (su cui poi calcoleranno la bolletta del periodo successivo) è sempre molto superiore al mio consumo effettivo, e mi farebbe sforare in 3° scaglione.
Per questo mi avvalgo sempre dell’autolettura per fare in modo che la bolletta venga calcolata sui miei consumi reali, evitando di pagare molto di più per kwh non consumati.

L’ultima volta l’autolettura però non ha funzionato, mi ha risposto un operatore che mi ha assicurato che l’avrebbe inserita lui, ma in realtà non l’ha fatto e mi è arrivata così una bolletta più elevata. L’operatore che ho chiamato l’altro giorno mi ha detto che però non mi facevano la riemissione della bolletta per così poco, e poi perché tanto se la prossima volta farò l’autolettura ci sarà il conguaglio: sì, però a quanto mi consta il conguaglio è sui kwh, e non sull’ammontare in denaro pagato in più indebitamente dato il maggiore costo in 3° scaglione.

Stavo pensando che se il mio ragionamento rispondesse a verità, e se si moltiplica così il gioco per migliaia di utenti, beh, sono soldini.

Se poi si mette sul piatto che a San Felice non è ancora attiva la Tariffa Bioraria (malgrado le rassicurazioni dei vertici di ASM che lo sarebbe stata a partire da luglio 2007), uno malizioso potrebbe pensare che il gioco del “consumo calcolato” piuttosto che quello effettivo fa comodo.

Mia nonna diceva sempre …
a pensà màl se fa pecàt (a pensar male si commette peccato), ma a volte (con la o chiusa) …


Rifiuti 

Negli ultimi giorni stavo inoltre verificando la bolletta rifiuti di San Felice in quanto nel mio caso da 136 € dello scorso anno è passata a 188 €, vale a dire +38%. Nel mio caso ho avuto una persona in più in casa per 1 mese, quindi un piccolo aumento me lo aspettavo, però considerando quello, spannometricamente c’è circa sempre un +30% comunque.
Contattato da me, l’Ufficio Tributi comunale mi ha detto che effettivamente c’è stato quell’aumento a seguito dei costi per la costruzione della nuova isola ecologica consortile che sono stati spalmati sulle bollette.

Mmmhh, questo non è sicuramente un trucchetto, però un aumento del genere mi sembra eccessivo, anche considerando che San Felice è un comune virtuoso come raccolta differenziata, e poi questo dovrebbe significare che il prossimo anno quindi la bolletta ri-cala?
Sospetto di no.
😦

Read Full Post »

Casetta dei Limoni GigantiDomenica, anche se con un po’ di ritardo viste le rigide temperature di questi giorni, ci siamo presi parte della mattinata ed abbiamo costruito la casetta per l’inverno per la nostra pianta di limoni giganti.

Essì, infatti il limone è una pianta delicata e che non tollera le gelate.

L’impresa non è stata certo facile in quanto oramai è diventata enorme, e le spine sono molte e molto grandi, quindi bisogna prestare molta attenzione.

Per la copertura, come si può vedere nella foto, uso le classiche arelle per l’edilizia invece della serra come si fa di solito per i limoni. E’ un consiglio illuminato che mi è stato dato dal suocero di mio cugino che fa l’agricoltore, in quanto sono molto economiche e facili da combinare, e così l’aria passa senza problemi e la pianta respira e resta sempre bella asciutta evitando in questo modo l’insorgere di malattie, inoltre prende comunque anche il sole che passa tra le arelle.

Infatti, mi diceva che la pianta del limone più che le basse temperature (ovviamente non deve scendere molti gradi sotto lo zero) non tollera soprattutto lo strato di brina o di ghiaccio sulle foglie, e le arelle servono appunto ad evitare questo.

La casetta la utilizzo inoltre come riparo per l’inverno per i vasi con le piante che meno tollerano il freddo.

Read Full Post »

Stella Stellina

Stella Stellina

Un paio di settimane fa Paola ha preso in Biblioteca a San Felice (molto fornita per bambini e ragazzi) quasi per caso un libretto meraviglioso per bambini; si intitola “Stella Stellina” (Editore La Coccinella, del 1991, della serie “Buchi per giocare”) ed è una bellissima versione illustrata della famosa filastrocca.
Ho provato a cercarlo in rete ma purtroppo nessuno l’ha più in catalogo. 😦

Con Camilla quel libro ha un enorme potere rilassante e quando l’ha in mano è totalmente rapita dalle illustrazioni, e oramai lo sa quasi a memoria.
Per chi ha o avrà bimbi che fanno fatica ad addormentarsi, eccola (si legge da sinistra verso destra, e poi dall’alto verso il basso):

Stella stellina

Stella stellina,
la notte si avvicina,
la notte è scura scura
ma io non ho paura:
brilla una stella gialla!
Chi c’è dentro la stalla?
La mucca e il vitellino
dal muso piccolino,
due occhioni di velluto,
un codino minuto.
Li sto un poco a guardare
e poi vado a cercare…
…la rana e i ranocchietti.
Dormono stretti stretti
finché ne avranno voglia
all’ombra di una foglia,
e la stellina intanto
illumina dall’alto…
… la pecora e l’agnello
dal morbido mantello
che dormono nel prato
sotto il cielo stellato.
Ed un poco più in là
chi altro ci sarà?
Il cane e i cagnolini
stan vicini vicini.
Fanno sempre così
la mamma e i piccolini.
Però se non mi sbaglio
qualcuno è ancora sveglio…
L’anatra e le anatrine
guardano le stelline
che da quel cielo blu
si specchiano quaggiù
nelle acque fresche e chiare,
e vanno a illuminare…
…La gatta ed i micetti
distesi sotto i tetti.
Però il gattino scuro
non dorme di sicuro!
Che sguardo birichino!
Io scappo pian pianino…
Puledrino e cavalla
dormono nella stalla:
sognano un verde prato
e un galoppo sfrenato
senza staffe né sella
al chiaror di una stella.
Dormono gli uccellini
dentro il nido, vicini,
tra quei rami lassù
un po’ verdi e un po’ blu;
sognano di volare…
ma adesso devo andare!
In braccio alla sua mamma
il bimbo fa la nanna
con i suoi giochi intorno…
Domani è un altro giorno.
Il giorno è per giocare,
la notte è per sognare…
Brilla stella stellina,
la notte è piccolina
e anch’io con la mia mamma
ora faccio la nanna.
Il cielo è tutto blu…
su, dai, dormi anche tu!

Grazie per il testo a filastrocche.it

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »